martedì 26 agosto 2014

varie cose carine perché non è ancora il momento dei morbi tristi

A tutti piacciono le cose belle. So che è un'ovvietà, ma se è ovvio ci piace.
Una delle mie cose preferite è leggere libri, o storie, o blog che parlano bene di cose interessanti (il post di cui sopra appartiene a un blog di quel tipo).
Poi è bello perché solitamente gli autori consigliano blog altrettanto accurati, e così via, ed è una specie di catena di Sant'Antonio, però più figa (a proposito di catene di Sant'Antonio, stamattina mia cugina di tredici anni me ne ha mandata una di nome "un'Ave Maria non costa niente", per la serie rido per sempre) (a proposito di cose-religiose-in-cui-si-imbattono-gli-agnostici, oggi al negozio c'era una tipa con una maglia viola con sopra scritto: Come posso andare in cielo? Gesù Cristo è l'unica via per la salvezza. Anche qui, rido per sempre).
Comunque, stasera stavo leggendo il blog di cui sopra, e mi sono imbattuta in un post sulle lamentele che rimandava a qualcosa come tre diversi post di altri autori, sempre sul lamentarsi (a tal proposito, oltre a fare numerose digressioni inutili e fuorvianti, sono anche il tipo di persona che si lamenta un sacco. Ultimamente non ci ho fatto caso, ma prima lo facevo davvero tanto).
Tali post, oltre ad essere davvero fighi, mi hanno ispirato il tema principale di questo post, cioè le cose belle.
La passione è una cosa bella. Se ti piace quello che fai, molto probabilmente lo farai anche bene, e renderai il mondo un posto migliore con quella cosa, o se non il mondo almeno il tuo specifico settore. E stimolerai la concorrenza in un tripudio di creatività e figaggine - al che mi sovviene che l'omologazione è una cosa schifosa. Voglio dire, a parte l'omologazione dei gusti e delle grandi marche, ma non è tre volte più figa una collana fatta a mano che è unica e che hai solo tu rispetto a un braccialetto sia pure di Gucci fatto in serie? Non è sconfortante andare al supermercato e avere trenta prodotti per pulire il cesso la cui unica differenza è il nome? Ma vabbè.
L'ironia è una cosa bella. Se puoi ridere di qualcosa, fallo.
La condivisione è una cosa bella, anche condividere pensieri sui blog è bello! L'entusiasmo è bello!
Chi di voi non si è mai sentito sollevato sapendo di non essere nè il primo nè l'unico a fare una riflessione scontata o porsi una domanda -magari apparentemente- idiota?
Il cielo è una cosa straordinariamente bella - così infinito nella sua limitatezza, così azzurro, così comune, così impassibile, così scientificamente miracoloso.
Le piante sono meravigliose, le persone e i sentimenti e la possibilità di vivere e gli occhi e i sensi e i colori e la musica e il cibo sono cose meravigliose.
(Sono decisamente in fase amo-tutto.)
Godetevele un pochino. Prendetene quanto più potete, perché sono... be', perché sono belle.

Nessun commento:

Posta un commento